SOTTOTITOLI PER NON UDENTI

“Non sento bene come vorrei, ma vorrei vedere bene”.

Preso atto delle difficoltà degli audiolesi, i sottotitoli per i non udenti devono necessariamente rispettare determinati parametri, tra cui:

› identificazione dei personaggi. A tal riguardo, Intertitula privilegia l’uso dei colori (che variano a seconda dell’importanza dei personaggi e comunque da paese a paese) piuttosto che la disposizione dei sottotitoli sotto il locutore (ormai desueta)
› semplificazione lessicale. Data la loro minore velocità di lettura, il testo deve essere più “leggero”
› corrispondenza lessicale tra parlato e scritto, ove possibile, dato che i sordi tendono a leggere il labiale
› comodità di lettura: font senza grazie (sans-serif), eventuale sfondo (per il televideo), preferenza per sottotitoli a una linea anziché a due, ecc.
› punteggiatura. Il suo corretto uso, già di per sé fondamentale per i sottotitoli interlinguistici, assume qui una valenza ancora maggiore
› altro: caratteri paraverbali e non-verbali, parentesi (indicanti frasi descrittive, intonazione, tono), ecc.

INTERTITULA conosce bene le problematiche legate ai sottotitoli per non udenti e si attiene scrupolosamente alle loro particolari esigenze.

Per maggiori informazioni o per un preventivo personalizzato gratuito, cliccate qui.

2015-11-16
.